Il problema del politico

Il problema del politico. Saggio su Hegel e Schmitt

 18,00

Autore

Edoardo Dallari

Lingua

Italiano

Formato di stampa

Cartaceo

Numero pagine

176

ISBN

978-88-6336-375-3

Collana

iCentotalleri

Sinossi

La civiltà occidentale, volenti o nolenti, è la civiltà globale: globali sono le sue massime creazioni della tecno-scienza, del capitalismo, del diritto e della politica.

Tutto il mondo, certamente con diverse intensità, non può prescindere, restio o meno, poco conta, dal pensare secondo la prassi del diritto internazionale, dal ragionare nei termini di libertà ed eguaglianza, dall’impresa economica e dallo sviluppo tecnologico.

In tale dominio questa civiltà si è compiuta, ha estrinsecato la massima potenzialità del suo λóγος, ha consegnato al mondo la sua eredità, si è inserita in ogni forma culturale presente sul pianeta mutandola essenzialmente.

Non ha alcun senso parlare di globalizzazione se non nei termini di una occidentalizzazione del globo – dall’Europa all’America e da qui al resto del mondo.

Prefazione di Vincenzo Vitiello.

La recensione del libro

Al momento non sono disponibili recensioni.

L'autore

Edoardo Dallari (Reggio Emilia, 1993) è dottore in filosofia ed è allievo di Massimo Cacciari e Vincenzo Vitiello. Si occupa dell’analisi dei rapporti che intercorrono, all’interno del pensiero occidentale, tra metafisica, teologia e politica, con un occhio di riguardo alle dinamiche della globalizzazione odierna.
Dopo essersi concentrato sul pensiero antico ne “Il pòlemos dell’ordine. Platone e Agostino: èros e libido dominandi” (Aracne, 2015), affronta in questo volume un possibile cammino all’interno della Modernità studiando il pensiero di Hegel e Schmitt.