Conservazione vs innovazione

Conservazione vs Innovazione. L’inserimento di elementi tecnologici in contesti storici

 12,00

Autore

Daniela Concas

Collana

Arte

Lingua

Italiano

Formato di stampa

Cartaceo

Numero pagine

216

ISBN

9788863364187

Sinossi

Può un ‘contesto storico’ entrare in rapporto dialettico tra le ragioni della sua conservazione e le esigenze pratiche per soddisfare le necessità del nostro tempo? Il problema è particolarmente difficile da affrontare per via della estraneità degli elementi tecnologici e di alcune loro finalità rispetto a strutture che in origine ne erano prive. Esso non è solamente materia tecnologica, ma rappresenta un aspetto rilevante nell’ambito della loro tutela e valorizzazione dal punto di vista culturale, teorico e pratico. La complessità del tema rappresenta per il progettista una sfida.

Con il suggerimento di un percorso metodologico fondamentale per l’elaborazione di un progetto rivolto al miglioramento e/o all’inserimento degli ‘elementi tecnologici’ (impianti storici, sistemi d’illuminazione, sicurezza antincendio, efficienza energetica e microclima, dispositivi di collegamento verticale in edifici e in ambiti urbani e paesaggistici) si vuole solo indicare la strada verso la ‘buona’ architettura rivolgendosi a tutti gli operatori coinvolti. Per questo motivo è importante affiancare alla mera prassi operativa, un corretto approccio culturale al fine di definire un progetto di qualità.

È un testo per architetti, ingegneri, professionisti del mondo del restauro e manutenzione dei beni culturali

La recensione del libro

Al momento non sono disponibili recensioni.

L'autrice

Daniela Concas, architetto specialista in Restauro dei Monumenti, master in Restauro, Tutela e Valorizzazione dei Beni Culturali della Chiesa e PhD in Restauro dell’Architettura. Già docente incaricato di Restauro Urbano e Restauro dell’Architettura e relatore/correlatore di tesi di laurea presso la Facoltà di Architettura dell’Università “Sapienza” di Roma, dove collabora al Laboratorio di Restauro dei Monumenti e alla Scuola di Specializzazione in Restauro dei Beni architettonici e del Paesaggio. Docente incaricato della Conoscenza dei Beni Culturali Edificati presso il Master Asset, Property & Facility Management. Svolge ricerche sul restauro e riuso del patrimonio architettonico, in particolare degli edifici religiosi e fortificati. Autrice di contributi inerenti allo stato di conservazione delle architetture storiche e all’analisi dei dissesti statici con proposte d’intervento, al rinnovamento liturgico post Concilio Vaticano II, all’inserimento d’impianti tecnologici, al superamento delle barriere architettoniche e alla legislazione in materia di tutela. Membro della Redazione della rivista “Progetto Restauro” (ed. il prato). Esercita l’attività professionale nel campo dei beni culturali.