La corte delle malerbe

La corte delle malerbe. Casi umani micropolitani

 10,00

Autore

Lorenzo Bottazzo

Collana

Gli antidoti

Lingua

Italiano

Formato di stampa

Cartaceo

ISBN

978-88-6336-308-1

Sinossi

Vivere è un mestiere difficile. Richiede un particolare talento. C’è chi ce l’ha, e chi no. Luigi Bon, detto Gino, ma noto ai più come Jeans Bon (anche se con l’agente segreto ha ben poco a che fare), e tutta l’accolita dei suoi sgangherati amici non sembrano particolarmente dotati in tal senso. Men che meno in quel campo, così complesso e fragile, ma fondamentale, che riguarda le relazioni e i sentimenti umani. Tra cui si muovono in modo incauto, inappropriato, molesto, come le malerbe tra le piante “buone”, alle quali sottraggono gli elementi vitali, fino a farle morire.

Seguendo tale analogia, le bizzarre situazioni in cui questi personaggi si arrabattano, quasi tutte paradossali, al più divertenti, ma talora anche drammatiche, sono presentate ognuna in associazione con una diversa tipologia di malerba, nella cui descrizione scientifica ritrovano curiose e inquietanti risonanze. Ma attenzione, come molte di queste piante “cattive” possono riservare sorprese inaspettate solo cambiando gli occhi con cui le si guarda, rivelando virtù anche di grande valore, lo stesso vale per i casi della vita: l’arte di vivere può essere appresa nei modi e nei tempi più inaspettati, talvolta solo… vivendo.

Ce la faranno, Jeans e i suoi amici? Forse sì, forse no. Lo scopriremo solo… leggendo.

La recensione del libro

Al momento non sono disponibili recensioni.

Lorenzo Bottazzo

Lorenzo Bottazzo è ingegnere. Vive a Mestre e lavora a Venezia, nell’ambito del recupero ambientale ed edilizio degli abitati lagunari. Ha pubblicato nel 2007 il saggio “I numeri di Venezia” nel volume ”Atlante Storico di Venezia”, di Giovanni Distefano, per Supernova; nel 2008 il racconto “Clip clop” nella raccolta “Passioni di carta”, a cura di Tiziana Agostini, per Nuova dimensione; nel 2009 il racconto “Passanti incrociati” nella raccolta “Hotel Bologna”, per Nuova dimensione; nel 2009 il primo libro di racconti tutti suoi intitolato “Il fruglio fra gli ossicambri”, per Il Prato; nel 2014 “I numeri di Venezia”, per Supernova; altri saggi e articoli di carattere tecnico-storico sul tessuto urbano veneziano in pubblicazioni specialistiche.