Il fruglio fra gli ossicambri

Il fruglio fra gli ossicambri

 3,99

Autore

Lorenzo Bottazzo

Collana

The greenhouse

Lingua

Italiano

Formato di stampa

e-Book

Numero pagine

68

ISBN

978-88-6336-282-4

Sinossi

Non cercate queste parole nei dizionari. Non si trovano lì. Non sono neppure dei neologismi. Sono qualcosa che prima non c’era, e adesso c’è.

Il “fruglio fra gli ossicambri” è il titolo del racconto che chiude questa raccolta. E anche il titolo della raccolta stessa. Attenti, però. Non cercate queste parole nei dizionari. Non si trovano lì. Non sono neppure dei neologismi. Sono qualcosa che prima non c’era, e adesso c’è. O meglio sono qualcosa che prima stava dentro, e adesso è uscito fuori. Fuori da quella zona di penombra della coscienza, dove tutto si confonde e dove si mischiano il buono e il cattivo, il brutto e il bello, il noto e l’ignoto, il passato ed il futuro. Qualcosa che non si può esprimere a parole. È l’indicibile dell’anima. Un’entità indistinta e inquietante che, una volta lasciata emergere, si rivela con una forza, un fascino, una dignità del tutto sorprendenti. È in questo luogo ideale, che fa da substrato psicologico ed elemento comune dell’intera narrazione, che si muovono, con sorti diverse, a momenti divertenti, in altri più drammatiche, i personaggi di questi dodici racconti. Sono bambini, uomini e donne che si confrontano con alcuni degli ostacoli che mettono alla prova la sensibilità degli individui in quest’epoca a cavallo tra i due secoli, quali la metamorfosi dei paradigmi dell’amore, l’incertezza dell’identità morale, il senso di inadeguatezza, di estraniamento, di solitudine interiore che la moderna società inesorabilmente produce. Lasciando un’impressione: che se la possono cavare.

La recensione del libro

Al momento non sono disponibili recensioni.

Lorenzo Bottazzo

Lorenzo Bottazzo è ingegnere. Vive a Mestre e lavora a Venezia, nell’ambito del recupero ambientale ed edilizio degli abitati lagunari. Ha pubblicato nel 2007 il saggio “I numeri di Venezia” nel volume “Atlante Storico di Venezia”, di Giovanni Distefano, per Supernova; nel 2008 il racconto “Clip clop” nella raccolta “Passioni di carta”, a cura di Tiziana Agostini, per Nuova dimensione; nel 2009 il racconto “Passanti incrociati” nella raccolta “Hotel Bologna”, per Nuova dimensione; nel 2009 il primo libro di racconti tutti suoi intitolato “Il fruglio fra gli ossicambri”, per il Prato che oggi viene ripresentato in formato ebook.