Del Principio. Meditazioni su mistica e henologia

Del principio. Meditazioni su mistica e henologia

 20,00

Autore

Federico Croci

Lingua

Italiano

Formato di stampa

Cartaceo

Numero pagine

176

ISBN

978-88-6336-177-3

Collana

iCentotalleri

Anno

2012

Sinossi

«Tutta la nostra vita è un esercizio alla visione dell’Uno» (Proclo, Commentario al Parmenide 1015 38-40): affrontando il pròblema per eccellenza della tradizione neoplatonica, il rapporto tra Unità e Molteplicità, il testo tenta di rinvenire il ligamen essenziale che muove le riflessioni di tre grandi pensatori della tarda antichità, cioè Plotino, Proclo e Dionigi Areopagita; questo, all’interno di una prospettiva teoretica, critica ed ermeneutica che tiene conto anche dei guadagni filosofici conseguiti da Hegel, Gentile e Severino, e dalla poesia pensante di Dante.

Nello sforzo di cogliere lo Stesso che si agita nelle differenze di cui si costituisce il mondo, si offre, nel corso dell’analisi, una disamina dei principali nodi aporetici che una metafisica henologica evoca: Uno e Tutto, Infinito e finito, processione e conversione, Eternità e tempo, immagine e linguaggio, Immediato e mediato. In particolare, il filo rosso che guida queste specificazioni è rintracciato nell’inesausta dialettica tra Pensiero ed Essere, da cui e in cui, in grazia di una «magia che tutto produce» (Schelling), l’ignoranza umana si apre all’Altro-non-Altro, rendendosi divina.

“Del principio. Meditazioni su mistica e henologia” di Federico Croci è un testo di sicuro interesse per gli studiosi e appassionati di filosofia, per gli studenti e docenti universitari.

La recensione del libro

Al momento non sono disponibili recensioni.

Federico Croci

Federico Croci, (Milano, 1989) è allievo di Giuseppe Girgenti, sotto la cui direzione si è laureato presso la Facoltà di Filosofia dell’Università Vita-Salute San Raffaele nel settembre 2011, conseguendo la valutazione massima. È studioso, oltre che della tradizione platonica e neoplatonica, dell’Idealismo tedesco e delle riflessioni di Giovanni Gentile ed Emanuele Severino.