Marozzi - Adorno

Prassi e redenzione. Un viaggio nella dialettica negativa di T.W. Adorno

 20,00

Autore

Armando Marozzi

Lingua

Italiano

Formato di stampa

Cartaceo

Numero pagine

472

ISBN

978-88-6336-267-1

Collana

iCentotalleri

Sinossi

La storia può apparire spesso come una successione ininterrotta di prevaricazioni e distruzioni, priva di qualsiasi razionalità. Eppure, a uno sguardo più attento, essa si rivela ben più complessa, frutto di una contraddizione permanente e tuttora aperta tra la logica del dominio, da un lato, e la cultura della dignità e dell’armonia con la natura, dall’altro. Lodare questa cultura senza smascherare quella logica è pura retorica.  Ma giungere alla resa disperata nei confronti dei rapporti di forza vigenti nella società, credendo che la violenza sia l’unica sovrana nella storia, è non meno sbagliato.

In tutta la sua opera Theodor W. Adorno ha cercato di svolgere il compito di analizzare le forme organizzate, sistematiche e “normalizzate” del dominio e della menzogna, peraltro senza mai chiudere lo spiraglio che lascia spazio alla speranza di un riscatto che porti alla luce il volto più fedele dell’umanità. La sua diagnosi della ragione occidentale mostra che essa non va liquidata, piuttosto va guarita da quel virus del totalitarismo che la rende delirante. Solo passando per questa radicale autocritica la ragione potrà divenire un’energia di lucidità necessaria all’azione impegnata nell’autentica trasformazione storica, quella che promette di avvicinare l’umanità a una condizione di vita che non sia una sventura.

Questo libro esplora il percorso di Adorno sapendo evidenziarne i passaggi e le implicazioni con grande chiarezza. Il testo riesce anche a restituire la nitida percezione di come, nel tempo del capitalismo totalitario, la lotta tra il vortice del dominio e la forza nonviolenta della dignità ci riguardi direttamente ogni giorno.

Prefazione di Roberto Mancini.

La recensione del libro

Al momento non sono disponibili recensioni.

Armando Marozzi

Armando Marozzi è nato ad Ascoli Piceno nel 1991. È laureato in filosofia all’Università di Macerata dove continua i suoi studi rivolgendo particolare attenzione al pensiero di Hegel e Marx nella prospettiva di un nuovo pensiero che possa proporsi come valida alternativa al neoliberismo.