Quella terra è la mia terra

Quella terra è la mia terra. Istria memoria di un esodo

 4,99

Autore

Regina Cimmino

Collana

Tracce del Novecento

Lingua

Italiano

Formato di stampa

e-Book

Numero pagine

80

ISBN

978-88-6336-373-9

Sinossi

Perché i ricordi non appartengono solo a chi li custodisce.

Regina Cimmino si tuffa nel magma incandescente della sua memoria, ricomponendo il recente passato tragico degli istriani, travolti prima dalla seconda guerra mondiale e dalla dominazione nazifascista e cacciati poi dalla loro terra, quando si credevano ormai al sicuro della pace.

La narrazione, condotta con la tecnica del monologo evocativo, che registra fatti e situazioni seguendo il flusso del pensiero, si mantiene volutamente asciutta nella forma espositiva, per lasciare al lettore la valutazione di quanto accaduto.

Le sofferenze personali si intrecciano a quelle collettive, non solo quando nel cielo piovono le bombe, ma quando l’autrice, allora bambina, deve guadagnarsi affetti e amicizie in un nuovo paese, fra le privazioni del dopoguerra. Ne scaturisce un’orazione civile in forma di racconto che rappresentando la storia dell’ingiustizia troppo grande patita da un angolo del mondo, l’Istria, fa di quel luogo simbolico il paradigma per tutti gli esuli che la follia umana continua a creare.

Tiziana Agostini

Introduzione
Simone Cristicchi

Prefazione
Paolo Barbaro

 

La recensione del libro

Al momento non sono disponibili recensioni.

Regina Cimmino

Nata a Pola nel 1935, da padre napoletano e madre istriana, vive e lavora fra Mestre e Venezia dal 1947, anno dell’esodo. È stata corrispondente esterna del settimanale L’Arena di Pola. La partecipazione al laboratorio di Scrittura Creativa del Circolo “Walter Tobagi” di Mestre ha rafforzato in lei la passione per la narrazione,