Utopia concreta - Claverini

Utopia concreta. Pensiero utopico e ideologia in Niccolò Machiavelli e Tommaso Campanella

 15,00

Autore

Corrado Claverini

Lingua

Italiano

Formato di stampa

Cartaceo

Numero pagine

176

ISBN

978-88-6336-242-8

Collana

iCentotalleri

Sinossi

È uso consolidato porre a confronto Niccolò Machiavelli e Tommaso Campanella contrapponendo il mero realismo dell’uno e l’astratto utopismo dell’altro. Tuttavia, alla base di questo confronto così impostato vi è un grave errore: infatti, di solito, non si tiene conto del fatto che entrambi pensano storicamente la profonda crisi che stava attraversando l’Italia del loro tempo. Il risultato di questo fuorviamento è che si fa di Machiavelli un mero scienziato che, con Il Principe, avrebbe scritto un trattato buono per tutti i tempi e per tutte le situazioni. Campanella, invece, non sarebbe altro che un astratto utopista totalmente disincarnato rispetto al suo tempo.

In realtà, a rigore, il Segretario fiorentino e lo Stilese hanno in comune davvero molto se si considera il fatto che entrambi i loro capolavori filosofico-politici – Il Principe e La Città del Sole – rispecchiano la crisi della loro epoca e, allo stesso tempo, cercano di risolverla con la proposta di una terapia. Il presente saggio è una rilettura del pensiero di Machiavelli e Campanella, accomunati per il fatto di essere grandi utopisti che pensano storicamente il loro tempo.

Prefazione di Andrea Tagliapietra.

Postfazione di Diego Fusaro.

La recensione del libro

Al momento non sono disponibili recensioni.

Corrado Claverini

Corrado Claverini (Orvieto, 1989) è dottorando in Storia delle idee, Metafisica ed Estetica presso l’Università Vita-Salute San Raffaele, è membro e segretario scientifico del Centro di Ricerca Interdisciplinare di Storia delle Idee (CRISI) e fa parte della redazione del “Giornale Critico di Storia delle Idee”. Allievo di Andrea Tagliapietra e Diego Fusaro, si occupa della tradizione filosofica italiana, del pensiero utopico e apocalittico, del tema della temporalità e della storicità e della “posterità spirituale” di Gioacchino da Fiore. Ha pubblicato Tommaso Campanella e Gioacchino da Fiore. “Riaprire il conflitto” a partire dal pensiero utopico e apocalittico (“Giornale Critico di Storia delle Idee” 11, 2014) e ha curato T. Campanella, Sulla magia (Alboversorio, Milano 2014)