Venezia Ebraica

Venezia ebraica

 15,00

Autore

Adolfo Ottolenghi

Collana

Scale Matte

Lingua

Italiano

Formato di stampa

Cartaceo

Numero pagine

128

ISBN

9788863364927

Sinossi

Questa miscellanea, che comprende otto scritti di Adolfo Ottolenghi (1885-1944) risalenti ai primi anni Trenta del secolo scorso, vuole essere un omaggio al rabbino veneziano e, al contempo, alla vivace e ricca storia, tradizione e cultura ebraica della città lagunare.

Gli argomenti studiati da Ottolenghi in biblioteche cittadine e archivi comunitari – che spaziano dal governo democratico di Venezia, all’emancipazione civile degli ebrei, dalle sinagoghe agli antichi monumenti sepolcrali, al ghetto ecc. – emanano ancora oggi un fascino particolare. È per questo che si è ritenuto opportuno ristamparli affinché possano raggiungere ancora una volta il lettore curioso delle vicende degli ebrei veneziani, e non solo.

Il pensiero e i valori di Ottolenghi, insieme alle interessanti notizie storiche, corredate da alcune immagini levigate dallo scorrere del tempo, rendono questi scritti preziosi e insuperabili.

La pubblicazione è a cura della Fondazione Centro di Documentazione Ebraica CDEC di Milano.

 

La recensione del libro

Al momento non sono disponibili recensioni.

L'autore

Adolfo Ottolenghi nasce a Livorno nel 1885 da Abramo e Amalia Ventura. Nel 1907 consegue il titolo di rabbino presso il Collegio Rabbinico di quella città e, contemporaneamente, la laurea in Giurisprudenza all’Università di Pisa. Nel 1911 si reca a Venezia dove viene nominato vice rabbino. Dal 1919 diventa rabbino maggiore della medesima Comunità. Uomo di dialogo e di cultura è impegnato, oltre che al culto e nell’educazione dei giovani, nello studio della storia degli ebrei di Venezia alternando l’interesse per la partecipazione degli ebrei veneziani al Risorgimento a quello per figure come il rabbino del XVII secolo Leon da Modena. Adolfo Ottolenghi viene arrestato nell’agosto del 1944, trasferito nel campo della Risiera di San Sabba a Trieste e poi deportato ad Auschwitz dove muore il medesimo anno.